Erin Shirreff a Palazzo de'Toschi

Prima mostra in Italia dell'artista canadese in occasione di Arte Fiera.

Banca di Bologna presenta la prima personale in Italia di Erin Shirreff (Kelowna, Canada, 1975, vive e lavora a New York). Composta interamente di opere inedite e realizzate per l’occasione, la mostra, a cura di Simone Menegoi, offre al pubblico italiano l’opportunità di apprezzare per la prima volta su larga scala il lavoro di un’artista che, a poco più di quarant’anni, è già entrata a far parte delle collezioni permanenti di istituzioni internazionali come il Centre Georges Pompidou (Parigi), il Metropolitan Museum of Art (New York) e il Guggenheim Museum (New York).
 
L’esposizione inaugura al pubblico venerdì 2 febbraio alle ore 18.30 nel Salone Banca di Bologna di Palazzo De’ Toschi. La personale di Erin Shirreff è uno dei dieci eventi selezionati per il programma culturale di ART CITY Bologna 2018, l’iniziativa promossa dal Comune di Bologna e da BolognaFiere che affianca ad ArteFiera progetti curatoriali di alto profilo. 

 
La mostra è composta di due opere: un video proiettato in dimensioni cinematografiche (5 x 8 m.) e un gruppo di sculture dal carattere più intimo.
 
Formatasi come scultrice, Shirreff crea video, fotografie e infine sculture, realizzate con materiali disparati: ceneri compresse, gesso, carta, ferro laminato a caldo. Il tema di fondo del suo lavoro è il modo in cui facciamo esperienza di un oggetto nello spazio e nel tempo, soprattutto in un’epoca in cui la sua percezione è quasi sempre mediata (e costantemente influenzata) dall’immagine, fissa o in movimento. Maestri della scultura moderna come Medardo Rosso e Costantin Brancusi utilizzavano già la fotografia come un’estensione della loro pratica scultorea; Shirreff, aggiornando le loro intuizioni al nostro tempo, concepisce la scultura come un’esplorazione dello spazio che separa un oggetto dalla sua rappresentazione.
 
In coincidenza con l’apertura della mostra di Erin Shirreff viene presentato il catalogo Peter Buggenhout. No Shades in Paradise (Buchhandlung Walther König, 2017) pubblicato in occasione della personale di Peter Buggenhout presso il Neues Museum di Norimberga. Il volume, alla cui produzione ha contribuito Banca di Bologna, documenta le esposizioni recenti dell’artista, fra cui The Blind Leading The Blind, la sua personale a Palazzo De’ Toschi del febbraio 2017. Infine, a completare l’offerta di arte contemporanea di Banca di Bologna in occasione di ArteFiera 2018, nella sede centrale della Banca (Piazza Galvani 4) viene esposta una selezione di opere inedite di Elia Cantori (Ancona, 1984).
Banca di Bologna, partner della mostra, è una realtà molto legata al territorio bolognese, alla città di Bologna e ai centri della provincia. Le sue numerose iniziative di mecenatismo contemplano gli interventi per la riqualificazione e il restauro di piazza Galvani, per i restauri dell’Oratorio dei Fiorentini e delle porte monumentali di Bologna, per il recupero e la riqualificazione di piazza Minghetti, per la ristrutturazione di Palazzo De’ Toschi. A questi si aggiungono i lavori per il restauro della Basilica di San Petronio e della Cappella dell’Arcangelo Michele, con il noto affresco di Calvaert.
 
Palazzo De’ Toschi, edificio storico nel pieno centro cittadino inaugurato a inizi ‘900 su progetto di Emilio Saffi, è nato con nome e funzione di Palazzo delle Poste. Per le caratteristiche costruttive, in particolare la struttura in cemento armato, interessò Le Corbusier, che lo vide durante il suo viaggio in Italia del 1907 e ne scrisse nella sua corrispondenza. Il Palazzo è stato acquistato nel 2007 da Banca di Bologna e riaperto al pubblico nel 2013 come luogo di iniziative culturali, formative, espositive.
 
ERIN SHIRREFF
Mostra a cura di Simone Menegoi
Salone Banca di Bologna di Palazzo De’ Toschi Piazza Minghetti 4/D, Bologna
2 febbraio - 4 marzo 2018
Inaugurazione: 2 febbraio 2018, ore 18.30 - Press preview: 2 febbraio 2018, ore 11.00
Orari: Durante il weekend di ART CITY Bologna 2 febbraio, 10-22; 3 febbraio, 10-24; 4 febbraio, 10-20
Dall’8 febbraio al 4 marzo 2018: da giovedì a sabato, 11.30-18.30; domenica, 13.30-18.30
Chiuso il lunedì, martedì e mercoledì.
Ingresso libero

 

Nella stessa categoria:

mercoledì 03 ottobre 2018

Pendulum al MAST

Bologna Spettacolo

Bologna Spettacolo

Nuova Editoriale Florence Press srl. Piazza Spirito 19 - 50125 Firenze
Tel. 055212911/0552675189 - Fax 055215110
Iscritta Registro Ditte del Tribunale di Firenze n. 61351 - CCIAA n. 0443616 | Cap. Soc. € 10.329,14 - Cod. fisc./P. IVA 04366030486

Social

firenzespettacolo.it